mppu international

twitterfacebook

L’incontro tra culture, religioni, ragioni, condizione per affrontare le sfide del presente

testata

Che cosa sono?

Laboratori di formazione e dialogo per chi opera nella comunicazione e nell’informazione, in ambito educativo e sociale, per leggere i temi dell’attualità al di là di pre-comprensioni e stereotipi e per trasformare un dato di realtà come l’interdipendenza del pianeta, da una serie di relazioni passive e ambivalenti, in percorsi attivi di equità e responsabilità.

Promotori

Acli, Comunità di Sant’Egidio, Legambiente, Focsiv, Movimento politico per l’unità/Focolari, Regione Toscana.

Destinatari

Operatori dei media, educatori, attori della società civile, opinion leaders, studenti e quanti sono coinvolti ad ogni livello nella costruzione del tessuto della convivenza.

Dove nascono

Nel settembre 2004, nell’anniversario della strage delle Torri Gemelle, si tiene a Roma la seconda edizione della Giornata Mondiale dell’Interdipendenza, iniziativa ideata negli USA dal politologo Benjamin Barber e dalla Associazione da lui fondata Civ-World, la cui prima edizione si era realizzata nel settembre 2003 a Philadelphia. Quando nel 2004 si propone di situare la “Giornata dell’Interdipendenza” a Roma, il progetto viene sostenuto, oltre che da Mppu, anche da Legambiente, Acli, Comunità di Sant’Egidio, e dall’Amministrazione comunale di Roma.

L’evento incontra una grande partecipazione di pubblico e notevole risalto mediatico. Chiara Lubich offre un contributo determinante, dando come riferimento la fraternità universale, perché nuove relazioni di “interdipendenza fraterna” possano avvicinare la condivisione delle risorse, il dialogo tra le culture, la ricerca dell’equità e della pace.

Alla tappa del 2004, fanno seguito tre iniziative a cadenza annuale in varie città italiane, che mettono al centro temi diversi a seconda dell’urgenza politica: i rapporti tra Occidente e Islam, la Cina e il grande continente africano. Vi partecipano politici, scrittori, giornalisti, ambasciatori, artisti del mondo islamico prima, di quello cinese e africano poi.

Ai partner del 2004, in seguito si sono aggiunti Focsiv e Regione Toscana (che ha sostituito il Comune di Roma).

condividi questo articolo

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.