mppu international

twitterfacebook

Partecipare

Cresce il numero e la complessità dei temi e delle istanze che mettono alla prova la funzione della politica nel mondo moderno ma crescono, allo stesso tempo, anche le competenze e le esperienze di tanti soggetti sociali che, da protagonisti della vita civile, culturale e economica, sanno proporre risposte innovative su cui fondare e rifondare continuamente la convivenza. Questo significa partecipare, fino a influenzare direttamente l'organizzazione e i contenuti delle scelte pubbliche, fino a cooperare attivamente con quanti esercitano compiti decisionali. Scegliere la partecipazione è tutt'altro che retorica o vuota ideologia. Ci impegniamo perché diventi piuttosto il primo strumento di un'azione politica al servizio delle comunità per:
•    costruire politiche locali, nazionali e internazionali, eque, efficienti ed efficaci, a partire dai bisogni di chi è più debole
•    dare forza al ruolo della politica davanti alle reti della finanza e dell'economia
•    proporre e sperimentare pratiche e modelli di nuova governance, in grado di aggiornare anche il sistema delle relazioni internazionali
•    lavorare non solo per la pace, ma per una piena fraternità tra i popoli
C’è bisogno dunque del contributo di tutti per una società migliore. Quali strade percorrere?
•    Interessarmi ai problemi di chi vive nel mio condominio, nel mio quartiere
•    Accettare anche i doveri che mi vengono dalla vita civile
•    Fare con onestà e professionalità il mio lavoro
•    Informarmi su chi sono e cosa fanno i rappresentanti eletti
•    Protestare quando assisto ad una prepotenza, un abuso, una violenza
•    Moltiplicare i canali a cui attingo informazioni sull'attualità
•    Spendere del tempo per comunicare di persona e non solo sulla rete
•    Prendermi cura dei beni comuni e segnalarne i malfunzionamenti
•    Argomentare e saper presentare pubblicamente la mie ragioni
•    Rinunciare ad una parte delle mie risorse per condividerle con chi è nel bisogno
•    Ascoltare e aprire un dialogo con chi non è d'accordo con le mie idee
•    Studiare e fare ricerca per migliorare la vita di tanti
Hanno risposto così alcuni studenti dell'Istituto Universitario Sophia di Loppiano (Italia).
E tu?

Rinnovare la rappresentanza

L’esigenza di accorciare la distanza tra rappresentanti eletti e cittadini è una delle domande cruciali che la democrazia moderna non ha ancora risolto. Oggi votare non basta: sono gli elettori a dichiarare insufficiente un tratto di matita sulla scheda elettorale. Si reclama un diverso orizzonte, dove i rappresentanti rendano conto del proprio agire politico, dove i cittadini non abbandonino la gestione dei processi di governo ad una élite. Serve ridare centralità alla società civile e alla qualità dei processi di formazione dell'opinione pubblica, orientati al bene comune.
C’è bisogno dunque di relazioni democratiche più dense di contenuto e continuative. Quali strade percorrere?
Da parte dei cittadini:
•    Votare dopo essersi informati e confrontati, ricercando il maggior bene possibile della comunità civile; rifiutare voto di scambio e favoritismi, scegliere sulla base di ragioni universali e non personali e di gruppo
•    Accompagnare il candidato fin dalla campagna elettorale e offrire elementi condivisi alla costruzione del suo programma
•    Prendere l’iniziativa e reclamare appuntamenti periodici in cui chi è stato eletto renda conto delle proprie scelte; informarsi e verificare temi e decisioni, offrire esperienze ed idee, comunicare anche dissenso e opposizione
•    Dare vita a nuovi gruppi locali di impegno; utilizzare informazioni e risorse offerte anche da partiti, sindacati, gruppi professionali, centri di ricerca;
•    Al termine del mandato, valutare non solo sulla base dei progetti futuri, ma anche dei programmi effettivamente realizzati.
Da parte dei candidati e/o dei rappresentanti:
•    Accettare il controllo da parte dei cittadini, ricercare nuove dinamiche cooperative, proporre luoghi e strumenti di ascolto, informazione e partecipazione
•    Aprire le decisioni a sviluppi, verifiche e correzioni, mettendo il bene comune sopra gli interessi particolari o di partito
•    Valorizzare la competenza e l'esperienza di quanti abitano nei territori e operano nell'associazionismo, nelle professioni, le risorse dei giovani e degli anziani, dei nuovi cittadini
•    Decidere con piena responsabilità e “senza vincolo di mandato” e, allo stesso tempo, puntare ad esprimere i valori e gli orientamenti ideali delle comunità che si rappresentano
•    Utilizzare con la massima correttezza e trasparenza il denaro pubblico e rendere periodicamente conto del suo uso.
Hanno risposto così cittadini e politici di Buenos Aires (Argentina), Palermo (Italia), Sâo Paulo (Brasile), Strasbourg (Francia), Solingen (Germania), Budapest (Ungheria), Medellin (Colombia), Douala (Camerun), Beirut (Libano) ... impegnati a sperimentare un legame diretto e continuativo tra eletti ed elettori.
E tu?

Sostenere

Puoi fare una donazione per i progetti delle scuole di partecipazione e formazione sociale e politica per i giovani.

Attualmente è possibile concorrere a uno dei seguenti tre progetti, attraverso contributi una tantum o periodici:

1.    "Percorsi di formazione e informazione politica” per giovani del Burundi – studenti scuola secondaria e università -, finalizzati a rafforzare la riconciliazione nazionale in vista delle elezioni politiche del 2015.

2.    "Scuole popolari di cittadinanza” (ciclo annuale di incontri 2014/2015) per giovani di aree svantaggiate a bassa scolarizzazione – studenti scuola secondaria e lavoratori - dei quartieri poveri di Buenos Aires (Argentina).

3.    "Summer school di relazioni internazionali” a Trento (Italia), estate 2015, in collaborazione con l'Istituto Universitario Sophia di Loppiano: spese viaggio aereo per 10 giovani universitari da Paesi dell'Africa, Asia, America Latina.

Modalità di donazione:

-    Bonifico su Conto Corrente Bancario intestato a:
Associazione internazionale New Humanity
IBAN: IT60S0335901600100000010470
c/o Banca Prossima - filiale 5000
Piazza Paolo Ferrari, 10 - 20121 Milano

-    Bonifico bancario permanente:
Scaricare il modulo da stampare e compilare e consegnare alla propria banca

Causale: MPPU progetto n. (indicare il numero del progetto di cui sopra)

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.