mppu international

twitterfacebook

Opinioni

di Adnane Mokrani

 

Fonte: Radio Vaticana


"Condannare la violenza è un dovere morale; tanto più condannare la violenza che si compie in nome dell’islam e dunque da persone che pretendono di essere più musulmane delle altre. E, dunque, per difendere i principi islamici, per non creare confusione tra terrorismo e islam, il dovere della leadership religiosa, dei saggi musulmani, è quello di denunciare e spiegare il vero messaggio dell’islam". Lo afferma Adnane Mokrani, teologo musulmano, docente alla Pontificia Università Gregoriana e al Pontificio Istituto di studi arabi e islamistica (Pisai), commentando l'invito rivolto da Papa Francesco ai leader religiosi, politici ed intellettuali musulmani a condannare qualsiasi interpretazione fondamentalista ed estremista della religione, volta a giustificare atti di violenza.

"Ma la condanna non basta - aggiunge Mokrani - perché la denuncia può essere occasionale: abbiamo bisogno di un programma di educazione, un lavoro continuo per raggiungere i giovani, le fasce sociali più lontane maggiormente a rischio di essere contaminate da questo virus del fondamentalismo. Così possiamo prevenire e intervenire presto, prima che si cada nel peggio".

"Il fondamentalismo religioso rifiuta Dio stesso - ha affermato nella stessa occasione il Papa - lo relega a un mero pretesto ideologico". "Sicuramente - commenta Mokrani - perché l’esclusivismo radicale dell’estremismo religioso non solo rifiuta l’altro umano, l’altro religioso, ma si presenta come un giudice che giudica al posto di Dio e solo Dio sa cosa c’è nei cuori degli uomini e solo Dio può giudicare la nostra fede e le nostre intenzioni". "Dichiararsi giudice delle anime - aggiunge Mokrani - è una blasfemia, è un atto antireligioso e antislamico".

Come presidente del Cipax, Centro interconfessionale per la pace, Adnane Mokrani sostiene che demonizzare i musulmani e la loro religione aiuti i terroristi. "L’obiettivo dei terroristi è di creare una spaccatura, una polarizzazione tra i due campi opposti", spiega ai nostri microfoni. "Noi non dobbiamo cadere in questa trappola perché i  musulmani in Europa sono cittadini, fanno parte di questa società come immigrati e anche come cittadini. Sono esseri umani, hanno i loro diritti e dunque dobbiamo uscire dall’emozione, dalla reazione emozionale e ragionare per non fare quello che i terroristi vogliono: dividere e seminare odio". "Così - conclude il teologo - rischiamo di perdere l’anima e se perdiamo i nostri valori universali, basati sull’uguaglianza, sulla dignità umana, sulla libertà, reagendo male alla provocazione terroristica, significa che rischiamo di perdere la guerra contro il terrore".
(Da Radio Vaticana)

condividi questo articolo

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

 

To follow us, just find

  Europe time to dialogue

on Facebook

Pubblicazioni

Disarmo

 co governance

17-20 GENNAIO 2019

Castel Gandolfo

Roma - Italia

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.