mppu international

twitterfacebook

Opinioni

04/12/2017
Nessun itinerario aveva posto il pontefice in modo altrettanto drammatico e ultimativo davanti al bivio tra gli obiettivi strategici della sua politica estera: Cina e islam.
 
Francesco in Myanmar
Birmania oggi Myanmar. E Bangladesh un tempo Pakistan dell’Est. Nazioni low cost e iniziali da B&B. A basso reddito e profilo basso. Scali periferici e campi ostici, che a un tratto alzano il prezzo e non garantiscono più il punteggio pieno, sulla scena dei viaggi apostolici.
Trasferte facili sulla carta che divengono incerte nella cronaca, insidiose dal primo minuto e sino all’ultimo appese a un filo, riaprendo e rimettendo in discussione il campionato, sulla striscia di terra contesa e scivolosa del Rakhine, alias Arakan, autentica buccia di banana geopolitica lungo il confine tra due Stati e tra due mondi.
Così la minoranza profuga e senza cittadinanza dei rohingya, musulmani birmani del Nord-Ovest, etnia più perseguitata del pianeta secondo l’Onu, è assurta nell’immaginario collettivo a diaframma e dilemma dei due Orienti. Spartiacque tra due Asie. Tra Siddartha e il Profeta. Tra l’Himalaya e il Bengala: nel gomito di atlante, fertile e fragile, in cui natura e cultura si gonfiano a emulazione dei fiumi e soffiano con la forza dei monsoni. Portatori di vita o di morte. Di civiltà o di calamità.
Nessun itinerario aveva posto Francesco in modo altrettanto drammatico e ultimativo davanti al bivio, divaricato, tra gli obiettivi strategici della sua politica estera: la Cina e l’islam. Obbligandolo a scegliere e sciogliere il groviglio.
Anche Pechino infatti ha il suo “Nord-Ovest”, nella “nuova frontiera”, etimologica, del Xinjiang, dove risiede la gente degli uiguri, di fede islamica e lingua turcofona, dieci volte più consistente dei rohingya.
Ragioni e regioni che hanno trasformato la visita di Bergoglio in prova d’esame: cruna d’ago geografica e ago di bilancia diplomatico, che dalla cenerentola del Myanmar punta diritto al celeste impero ma induce, di converso, a soppesare la parola e il gesto.
A tale riguardo il ritratto di Francesco, inchinato di fronte ai rohingya nel giardino dell’arcivescovado di Dhaka, offre l’icona inedita e struggente di un papa che dichiara e sente su di sé, in presa diretta, il giogo delle prudenze e reticenze, dei rimorsi e compromessi, connessi al cammino storico della chiesa. E ne chiede perdono alle vittime: misurando lo iato che intercorre, a ogni epoca e in ciascun luogo, tra il Regno di Dio e la Realpolitik dei suoi emissari, anche i più temerari.
“Volevano cacciarli dal palco. Non l’ho permesso. Ho pianto per loro cercando di non farlo vedere e, dopo averli ascoltati, ho sentito crescere cose dentro di me e ho pronunciato il loro nome”. Upgrade teologico – “la presenza di Dio oggi si chiama rohingya” – che supplisce al silenzio politico dei discorsi ufficiali e conferisce uno status mediatico, in assenza di quello giuridico, sul display del villaggio globale.
Birmania e Bangladesh, dunque. L’1% di cattolici, nel primo dei due casi e lo 0,25%, addirittura, nel secondo: statisticamente insignificanti se paragonati ai 500 mila monaci buddisti, tra le pagode e sponde dorate dell’Irawaddy. O ai 150 milioni di seguaci dell’islam, addensati anzi ammassati tra minareti e acquitrini, nella zona del delta del Gange. Numeri localmente irrilevanti ma romanamente determinanti sulle rive del Tevere, all’orizzonte non remoto di un conclave.
Più di Torino e di Venezia, della Sindone e del Leone di San Marco, città per blasone cardinalizie tuttavia escluse, al momento, dalle qualificazioni al “mondiale”. A differenza di Yangon e Dacca, che saranno al contrario lì, nella Sistina e con diritto di voto, a incoronare il successore di Pietro. E ancora, più di Slovacchia e Slovenia, spostandoci nel cuore dell’Europa: monocolori cattolicissimi ma privi di porpora. E sullo stesso piano di Austria e Irlanda, che di berrette rosse ne possiedono invece una soltanto, esattamente al pari dei due paesi asiatici.
Periferia che si fa centro, nel senso più concreto e completo del termine, invertendo gli stereotipi, grazie alla redistribuzione di posti e poteri, senza precedenti, operata in questi anni da Bergoglio.
Duemila chilometri di limes in comune: Francesco non era giunto mai così a ridosso della Cina, se non fosse per il miliardo e passa di fedeli, correligionari dei rohingya, che stavano intenti a osservarlo, in un raggio vastissimo di meridiani e anime, dal Middle al Far East.
Affabili e ineffabili, femminili e gentili, le due Asie, buddista e islamica, si sono manifestate al vicario di Cristo nei volti aristocratici di due orfane di rango, scolpiti entrambi da un’infanzia luttuosa: il premio Nobel birmano Aung San Suu Kyi e il primo ministro del Bangladesh Sheikh Hasina, figlie dei padri fondatori, “giustiziati” dai compatrioti all’indomani dell’indipendenza.
Emblema di una leadership pasionaria e precaria, perennemente in bilico tra il passato e il futuro: “Non ho negoziato la verità. Ma ho fatto in modo che capisse perché una strada come quella dei brutti tempi passati oggi non è perseguibile”.
Mentre l’aereo di Francesco atterrava in Urbe, quello del generale Min Aung Hlaing, uomo forte della democrazia ibrida del Myanmar e responsabile della pulizia etnica del Rakhine, rientrava in patria da Pechino, dopo avervi presumibilmente riferito sull’intenso, inatteso vis à vis con il pontefice, fuori programma e fuori ordinanza.
Indizio e indice di una marcia che supera l’ostacolo e continua il suo percorso, dalle parole alle città proibite. Fra eredità rivoluzionaria e tradizioni autoritarie. Progressismi accademici e fanatismi endemici. Esodi biblici ed esiti amletici.
 
Articolo originariamente pubblicato su HuffPost.

condividi questo articolo

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.