mppu international

twitterfacebook

Opinioni

Written by Melchior Nsavyimana

 

From: United World Project

Africa«La gioventù» è un argomento vasto, che ha scatenato molte discussioni, soprattutto tra i movimenti giovanili di tutto il mondo (la primavera araba, gli «indignati» in Europa, e manifestazioni contro gli abusi perpetrati da leader africani, ecc.) Tuttavia, voglio riflettere esclusivamente sul ruolo che i giovani dovrebbero avere.

È un dato di fatto, i giovani sono stati considerati come una categoria emarginata per molto tempo, ma oggi sono presi di mira. E questo accade non solo per l'enorme potenziale che essi rappresentano e la fiducia in se stessi che sembrano avere, ma anche perché sono in grado di cambiare il mondo in meglio e, purtroppo, anche in peggio. Gli esperti ritengono che molti giovani cercano di migliorare il loro potenziale, ma non sempre ci riescono. Quando mancano le opportunità, la loro ambizioni si trasformano in frustrazione, che vengono poi sfruttate da gruppi che stanno lavorando per promuovere la propria agenda, come politici, estremisti, cartelli della droga, i gruppi armati, ecc.

Gli analisti ritengono che i giovani sono vulnerabili a un indottrinamento, in particolare perché non hanno esperienza e conoscenza storicamente consapevole.

Tuttavia, i giovani non devono essere considerati come vittime che hanno bisogno di essere protetti, o come futuri leader, come sono spesso visti da coloro che prendono le decisioni, ma piuttosto come giocatori reali che hanno bisogno di avere gli strumenti necessari per diventare i protagonisti della fratellanza universale . A questo proposito, a differenza di quelli che credono che i giovani siano una minaccia o individui vulnerabili che hanno bisogno di protezione, secondo M. Scott Atran, un antropologo della sede a Parigi Centro Nazionale Ricerche, per i giovani l'aiutare o il dare un senso alla propria vita ha la priorità sulla loro desiderio di fare il male o cercare protezione nella loro coscienza. In questa situazione, incanalare l'energia e l'idealismo dei giovani è molto più di una necessità, al fine di guidarli verso un vero ideale che è quello di costruire un mondo più fraterno.

Quando diciamo 'guida' si intende un nuovo impegno da parte degli Stati, prima di tutto, ma anche da tutte le categorie sociali (famiglie, comunità religiose, associazioni, ONG, organizzazioni internazionali, ecc) per sostenere i giovani, che hanno più energia, al fine di costruire un mondo più giusto. Questo impegno deve avere una portata universale, lasciando ogni paese o regione la libertà di scegliere gli strumenti necessari e mezzi per sostenere i giovani. In questo contesto, l'istruzione e la formazione devono avere un posto privilegiato nell'accompagnare i giovani lungo il loro percorso, come Nelson Mandela diceva spesso: «L'istruzione è l'arma più potente che possiamo usare per cambiare il mondo». In Europa, Asia, America o in Africa, in diversi momenti nel tempo, una generazione di leader è stato in grado di testimoniare in che misura i giovani potrebbero cambiare la storia positivamente o negativamente.

Se prendiamo l'Africa, per esempio, potremmo dire che il termine "giovani" non può essere limitato ad una specifica categoria di persone in base all'età, perché non costituiscono un monolite omogeneo, ma piuttosto una varietà multiforme, considerando i diversi fattori che entrano in gioco come il sesso, contesti rurali o urbani, quelli sociali e lo status economico, il livello di istruzione, ecc

È un dato di fatto, secondo il rapporto 2012 ADB, l'Africa ha avuto la popolazione più giovane al mondo, con 200 milioni di persone di età compresa tra i 15 ei 24 anni, e la previsione è che questa cifra potrebbe raddoppiare entro il 2045; mentre uno studio condotto dalla Banca Mondiale, nel corso dello stesso anno, ha rivelato che i giovani in Africa rappresentano il 60% di tutti i disoccupati africani. A questo proposito, il peso demografico dei giovani è un indizio per comprendere il ruolo importante che giovani africani possono avere al fine di costruire un sistema integrato, prospero e pacifico in un'Africa governata dai propri cittadini, per diventare una forza dinamica sulla scena internazionale in base alla visione che l'Unione Africana ha espresso nella sua Agenda 2063.

I giovani leader nel 1960 potrebbero essere modelli per i giovani africani. In realtà, il desiderio di liberare i loro genitori dalla dominazione coloniale ha spinto i giovani leader africani a partecipare attivamente alla lotta contro il colonialismo. In alcuni casi, il loro impegno e la determinazione implicavano un prezzo enorme da pagare per loro (carcere, torture, omicidi, ecc), nell'interesse del loro paese o continente in senso lato, come si può ricavare da brani tratti dal discorso di Nelson Mandela: «mi è caro l'ideale di una società libera e democratica in cui tutti vivranno in pace e armonia e potranno avere pari opportunità. Si tratta di un ideale che spero di vivere e realizzare. Ma, se necessario, è un ideale per il quale sono pronto a morire».

Purtroppo, anche se i giovani negli anni '60 e '70 guidarono i movimenti verso l'indipendenza e la mobilitazione sociale, al fine di liberare il continente dal giogo coloniale, agli inizi degli anni '90 furono più i giovani africani emersi sulla scena pubblica come una categoria che, nei decenni successivi, è diventata una forza sociale crescente che ha portato ad una situazione di ambiguità che ha costruito e distrutto la società africana. In diversi paesi africani, i giovani sono una massa che presenta molte sfaccettature quando partecipano alla vita politica e sociale: essi potrebbero essere considerati come un «influsso emergente» così come le persone «sopraffatte dal potere»; essi possono essere vittime, sfruttati e abusati, ma possono anche essere combattenti, attivisti e imprenditori, o anche ribelli, banditi e criminali. Molto spesso, essi svolgono tutti questi ruoli allo stesso tempo.

In questo scenario è una priorità per l'Africa trasformare la minaccia rappresentata da giovani africani in un'opportunità per il continente, e ogni africano deve assumersi la responsabilità di questo a seconda dei propri mezzi. Affinché l'Africa possa prosperare, i giovani giocano un ruolo centrale dal momento che sono la maggioranza della popolazione africana. Quindi torna forte la sollecitazione di Papa Francesco ai giovani di tutto il mondo che ci ricorda che «l'umanità ha bisogno di uomini e donne, e soprattutto di giovani come te, che non vogliono vivere la loro vita a metà strada..».

L'impegno per una cittadinanza partecipativa deve essere visto da africani e giovani a livello mondiale come la risposta a una chiamata a seguire l'esempio di Mandela quando ha parlato di «un ideale per il quale sono pronto a morire». Per rispondere alla chiamata ad essere cittadini attivi, i giovani in Africa e altrove devono capire quali sono i buoni mezzi comuni per la loro gente, e capire i bisogni e il prezzo da pagare, che variano tra i diversi contesti; ma soprattutto, devono pensare ai loro punti di forza e di debolezza prima di rispondere a quella chiamata, che in effetti è la loro vocazione, ma che richiede il dono di sé. I risultati del loro impegno non dipenderanno solo dalla loro volontà come i giovani, ma su tutta la comunità umana che deve unire assieme le forze (famiglie, comunità religiose, villaggi, lo Stato, le ONG, le organizzazioni internazionali, ecc.). Con parole diverse Papa Francesco ha sintetizzato, durante la GMG che ha avuto luogo in Brasile, il ruolo che i giovani devono svolgere, tra cui gli africani: «I tempi in cui viviamo non sono per i giovani ‘teledipendenti’, ma per i giovani con le scarpe, o meglio, con gli stivali allacciati. I tempi in cui viviamo richiedono solo soggetti attivi in ​​campo, e non c'è spazio per coloro che siedono in panchina. Il mondo di oggi richiede che tu sia un protagonista della storia perché la vita è sempre bella quando scegliamo di vivere pienamente!»

 

condividi questo articolo

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.