mppu international

twitterfacebook

Opinioni

La speranza per guarire la nostra polarizzazione - a lungo termine


di Amy Uelmen


Non vedo l'ora che sia finita. Le elezioni presidenziali degli Stati Uniti, intendo. Dopo una lunga, calda estate di violenza su scala globale, nazionale e locale, c’è qualcuno che non sia scoraggiato ed esausto dalla retorica di una campagna intensa e al vetriolo?
Ma aspettate - non credo proprio che la mattina dopo l'elezione le nostre divisioni profonde saranno immediatamente guarite! No. In realtà, da qualche tempo, gli analisti culturali ci hanno mostrato degli elementi che, concomitanti, hanno generato una miscela tossica che sta avvelenando la nostra vita sociale e politica.
Come giornalista Bill Bishop ha osservato in “The Big Sort: Why the Clustering of Like-Minded America is Tearing Us Apart” (2008), la grande varietà di opinioni che molti hanno riguardo a dove vivere, dove si riuniscono, le attività in cui impegnarsi, così come la pletora di opzioni per la visualizzazione via cavo e internet e il consumo, hanno portato ad una tendenza delle persone che la pensano alla stessa maniera a convergere. Quando arrivano insieme, tendono a creare "camere eco" che rendono molto difficile entrare in relazione con altri che possono avere prospettive politiche, sociali, culturali o ideologiche diverse.
E anche quando cerchiamo di connetterci attraverso divisioni gravi, ci sembra di avere una grande difficoltà a capirci. Nel suo studio del 2012, “The Righteous Mind: Why Good People are Divided by Politics and Religion”, lo psicologo sociale Jonathan Haidt ha identificato sei basi per la moralità. Egli ha osservato che i liberali tendono a sottolineare le preoccupazioni per quanto riguarda la cura, sia sul rovescio della medaglia, sperequazione ed equità rispettare / barare; mentre i conservatori, oltre a questi, tendono ad attingere altre quattro fondamenti morali: la libertà / oppressione, fedeltà / tradimento, l'autorità / eversione, e la santità / degradazione.
Ad esempio, si contrappongono come liberali e conservatori a San Francisco potrebbero vedere il quarantanovenne quarterback Colin Kaepernick rifiutarsi di stare in piedi per l'inno nazionale perché non vuole "mostrare l'orgoglio in una bandiera per un paese che opprime le persone di colore." Attraverso la lente del prendersi cura, dell'uguaglianza, e forse anche della libertà, questa modalità di protesta può sembrare appropriata e preziosa. Ma quando la lealtà, l'autorità e, in un certo senso, la sacralità della bandiera vengono messi in discussione, possiamo immaginare una risposta molto diversa.
Quando noi percepiamo la profondità di queste divisioni, ad ogni livello, ad ogni turno, si sente incredibilmente difficile. Quale potrebbe essere l'antidoto a questa miscela tossica?
Per me, un passo iniziale è inserito nel film d'animazione Zootopia. L'allegoria di una speranza, un coniglio ingenuo e uno cinico, l’astuta volpe è un invito al coraggio di essere sinceri circa i modi in cui si tende a fraintendersi a vicenda, nonostante le nostre migliori intenzioni. E sull'onestà, il film fornisce un messaggio toccante sia della possibilità di lasciare che si rigenerino le nostre relazioni grazie ad una comunicazione aperta, sia il perdono che permette di ricominciare nello sforzo di superare le nostre divisioni.
Credo che il passo successivo sia quello di cercare di proposito ambienti esterni che svolgano il duro lavoro di andare al di là della "cassa di risonanza" della conversazione che può generarsi tra amici che la pensano allo stesso modo. Ad esempio, si potrebbe invitare un gruppo eterogeneo a leggere e discutere insieme su di un libro; o semplicemente sedersi con qualcuno di nuovo a pranzo; o forse tentare di ristabilire il contatto con un cugino lontano che vede il mondo in modo diverso.
Come possiamo interagire una volta trovati questi spazi?
Come per ogni conversazione in cui speriamo di impegnarci veramente con un'altra persona, può esserci una buona occasione per cercare di staccare dalle distrazioni tecnologiche, per comunicare una disponibilità, per ascoltare con il cuore e la mente concentrata.
Poi,(in senso figurato) tolgo le scarpe.
L'utilizzo di un’immagine che viene spesso invocata per indicare la presenza di Dio - il roveto ardente - Papa Francesco ci ha incoraggiato a imparare a "rimuovere i sandali prima che calpestiamo la terra sacra degli altri (cfr Es 3: 5)" (Evangelii Gaudium , 169). Quando entro in una conversazione con una persona con cui potrei incontrare forti divergenze, questa immagine mi aiuta ad assumere un atteggiamento di rispetto per la dignità dell'altro e per la sacralità della sua storia - e di porre il rispetto al di sopra del desiderio di imporre il mio punto di vista.
Cosa succede, ad utilizzare l'analisi di Haidt, quando mi rendo conto che l'altra persona sta parlando in un registro che sento poco familiare a me? A questo punto - è la Zootopia - cerco di ammettere che non possa avere tutti gli elementi che mi servono per capire l'altra persona. Piuttosto che saltare alle conclusioni, questa è una occasione per porre alcune domande sincere che lasciano all'altro lo spazio per inquadrare le nuove informazioni secondo i propri criteri e il proprio background.
E l'ultimo antidoto? Speriamo che il risultato di questa nuova birra sia la reciproca gratitudine per la possibilità di imparare qualcosa di nuovo, per una comprensione fresca, o forse anche per un rapporto crescente di comprensione, fiducia e amicizia.
"O come Gazzelle - (doppiato da Shakira) nella sigla Zootopia consiglia: - tentare il tutto per tutto."

 

 Fonte: Living City

condividi questo articolo

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.