mppu international

twitterfacebook

Opinioni


di: Alberto Barlocci

 

I processi di integrazione regionale coinvolgono la politica ai più alti livelli, forse superati solo dalle Nazioni Unite. Queste sono aree in cui la relativa e limitata visione di un paese si arricchisce di obiettivi comuni su più ampia scala. La complessità della globalizzazione in cui siamo immersi rivela che la crescente interdipendenza fa si che nessun paese possa raggiungere da solo un progresso reale e, in ultima analisi, il pieno sviluppo dei suoi cittadini.

Nel caso dell'integrazione latinoamericana, il sogno di una grande nazione è nato nei giorni della lotta per l'indipendenza ed e alimentato da un vantaggio insuperabile in processi simili: la grande omogeneità linguistica. Per i suoi sostenitori i progressi verso l'integrazione saranno sempre lenti. Per gli scettici gli ostacoli indicano che sarebbe meglio limitarsi a moltiplicare gli scambi, basandosi più sul libero mercato che sulla politica.

 cabe señalar el logro de la reformulación de las relaciones con los Estados Unidos, un factor que en el pasado ha jugado un rol clave. El nacimiento de la Comunidad de Estados Latinoamericanos y del Caribe (CELAC), con la clara intención de hacer de contrapeso a la hegemonía norteamericana en la Organización de Estados Americanos (OEA), y la neutralización del proyecto del Área de Libre Comercio Americana (ALCA), han sido muestra de capacidad de autonomía política.

Nelfareun bilancio degli ultimi anni di questo processo, si segnala il raggiungimento della rielaborazione dei rapporti con gli Stati Uniti, un fattore che in passato ha svolto un ruolo fondamentale. La nascita della Comunità degli Stati dell'America Latina e dei Caraibi (CELAC), con il chiaro intento di fare da contrappeso all'egemonia nordamericana nella Organizzazione degli Stati Americani (OAS), e la neutralizzazione del progetto di Area di Libero Scambio Americana ( ALCA ) hanno dimostrato di capacità di autonomia politica.

Sia la CELAC chel'Unione delle Nazioni Sudamericane (UNASUR) stanno emergendo come aree di costruzione politica, mentre altri spazi sub-regionali raggiungono, chi più chi meno, una progressiva integrazione: la Comunità Andina, l'Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nostra America (ALBA), la Comunità dei Caraibi (CARICOM), il sistema di integrazione centroamericana (SICA), l'Alleanza del Pacifico, il Mercosur.

Mercosur è certamente quella che ha fatto i passi più significativi, anche se ultimamente mostra segni di stagnazione. Nel mese di luglio il protocollo di adesione del suo sesto socio, la Bolivia è stata completata. E 'la notizia più importante in questi due anni assieme all'ingresso nel 2013 del Venezuela. Tuttavia, si nota internamente un certo nervosismo per le politiche protezionistiche che impediscono espandere il mercato interno, e la riluttanzadell'Argentina all'accordo di libero scambio con l'Unione europea. Regolamenti del Mercosur impediscono agli stati menbri di negoziare separatamente accordi di libero scambio e ora il Brasile, Uruguay e Paraguay si oppongono a questo limite. Il problema è che non si compiono progressi verso il completamento del processo di unione doganale né alla zona di libero scambio.

Nel frattempo Messico, Perù, Colombia e Cile hanno generato entusiasmo con il lancio dell'Alleanza dei paesi che si affacciano sul Pacifico. Costa Rica e Panama vogliono essere i prossimi membri, l'Uruguay è interessato ad entrare "più attivamente", altri 42 paesi stanno partecipando in qualità di osservatori. Nel mese di luglio un accordo quadro ha eliminato il 92% delle tariffe, mentre il resto sarà eliminato gradualmente. All'ultimo vertice si è iniziato lavorare sulla questione dell'integrazione.

Quali potrebbero essere le principali sfide per la politica di integrazione?

Mentre tutti sono responsabili di questo processo, è chiaro che senza la leadership di Brasile, Messico e Argentina sarà molto più difficile avanzare. Sapranno questi paesi guardare al di là dei loro affari interni?

In un mondo globale è necessario rivedere il concetto di sovranità territoriale che appare superato. Inoltre come possiamo parlare di integrazione senza alcun trasferimento di sovranità a un livello sovranazionale? Ciò rappresenta il progresso verso organismi comunitari dotati di una certa autonomia decisionale. Non solo si è lontani da questo passaggio, ma ancora stanno guadagnando importanza dispute territoriali, coinvolgendo diversi paesi che muovono a livello giuridico questioni che invece possono essere risolte solo politicamente.

Allo stesso tempo strumenti come l'UNASUR e CELAC dovrebbero svolgere un ruolo molto più rilevante nelle situazioni critiche: nell processo di pace in Colombia e nella delicata situazione in Venezuela, per esempio, avrebbe dovuto avere un ruolo molto più attivo.

Infine la capacità politica dovrebbe essere accompagnata da una capacità di pianificazione. Integrazione significa molte cose: costruire la complementarietà in termini di risorse e capacità produttiva, unire gli sforzi nell'innovazione produttiva, la ricerca e gli investimenti nello sviluppo delle infrastrutture civili, i servizi, la produzione culturale , ecc ... forse, questa pianificazione è la sfida principale oggi.

Gli incontri binazionali

Esso dovrebbe includere l'integrazione della positiva esperienza di incontri binazionali che si svolgono, di norma ogni anno, tra il Perù e l'Ecuador, Perù e Bolivia , Perù e Colombia, Ecuador e Colombia, Ecuador e Venezuela. Si tratta di una giornata di lavoro svolto di solito in città di confine. In agenda ci sono tanto i  problemi delle zone di frontiera quanto questioni di interesse comune, dalle interconnessioni stradali e di energia, o problemi commerciali e infrastrutturali, ecc .

 

http://www.ciudadnueva.org.ar/revista/567/internacionales/la-politica-al-mas-alto-nivel

condividi questo articolo

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.