mppu international

twitterfacebook

di PIETRO DEL RE


Diplomatica di lungo corso, la Zewde ha promesso che lavorerà strenuamente per la parità di genere. La neopresidente ha anche esortato il suo popolo a consolidare la pace con l’Eritrea e di farlo «nel nome della madri perché sono loro che negli ultimi anni hanno sofferto maggiormente».

La sua nomina avviene una settimana dopo la formazione del governo del primo ministro Abiy Ahmed composto per metà da ministri donne, tra cui Aisha Mohammed, ministro della Difesa e Muferiat Kamil, alla testa del nuovo ministero della Pace, che controlla anche polizia e servizi di intelligence. Ora, Abiy Ahmed è lo stesso premier che, eletto lo scorso aprile, ha avviato un coraggioso programma di riforme, liberato migliaia di oppositori politici e messo in moto il processo di pace con la vicina Eritrea. «Se a portare avanti l’attuale cambiamento ci saranno sia gli uomini sia le donne, allora il risultato sarà la nascita di un’Etiopia senza più discriminazioni religiose, etniche e di genere», ha poi aggiunto Sahle-Work Zewde, che ricopriva fino a ieri la carica di rappresentante del segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres presso l’Unione africana.

La sua nomina è stata approvata all’unanimità da entrambe le camere del parlamento di Addis Abeba. E Sahle-Work Zewde sostituirà Mulatu Teshome, che per motivi ancora oscuri s’è appena dimesso sei anni prima la fine del suo mandato. Sebbene la Costituzione etiope conferisca i massimi poteri al primo ministro, al presidente riserva tuttavia un ruolo rappresentativo di grande importanza.

Durante la sua lunga carriera diplomatica, la Zewde, 68 anni, è stata ambasciatrice dell’Etiopia in numerosi Paesi, tra i quali la Francia, Djibouti e il Senegal. Nata ad Addis Abeba e cresciuta in Francia, il nuovo Capo dello Stato etiope parla correntemente il francese, l’inglese e l’amarico, lingua locale.  «Governo e opposizioni devono capire che vivono sotto lo stesso tetto, e devono perciò concentrarsi su ciò che li unisce e non su ciò che li divide, per creare un Paese di cui essere fieri», ha aggiunto la presidente al termine della cerimonia d’investitura.

Appena giunta notizia della sua nomina al Consiglio di Sicurezza dell’Onu a New York, tra i diplomatici riuniti in un dibattito sulle “Donne, pace e sicurezza” sono scoppiati fragorosi applausi.

Fonte: www.repubblica.it/

condividi questo articolo

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
 Genfest2018

6-7-8 LUGLIO 2018

MANILA-FILIPPINE

TOGETHER FOR A NEW AFRICA

DSCF7199bis

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.