mppu international

twitterfacebook

Il segretario generale Ban Ki-moon ha lodato lo svolgimento pacifico delle elezioni nella Repubblica Centrafricana (CAR) la scorsa Domenica, chiedendo lo svolgimento puntuale del secondo turno delle elezioni legislative per completare il processo di transizione politica.

In una dichiarazione attribuibile al suo portavoce, Ban ha preso atto della proclamazione dei risultati provvisori delle elezioni presidenziali tenute il 14 febbraio nella Repubblica Centrafricana, congratulandosi con il candidato presidenziale Faustin-Archange Touadéra per la sua vittoria, secondo i risultati provvisori.

"Il segretario generale si estende anche il suo apprezzamento per il candidato presidenziale Mr. Anicet Dologuele per lo spirito di saggezza politica ha dimostrato attraverso il suo discorso di concessione", ha detto Ban.

Il Segretario generale ha anche invitato tutti i leader politici e le parti interessate nazionali a continuare a "mantenere l'atmosfera costruttiva e per tutti gli attori a mantenere i loro impegni in linea con il Codice elettorale di condotta."

Invitando le autorità di transizione per completare il processo elettorale attraverso lo svolgimento puntuale del secondo turno delle elezioni legislative, Ban Ki-moon ha ribadito l'impegno delle Nazioni Unite di continuare a fornire il suo pieno sostegno alle autorità di transizione al fine di garantire il completamento del processo di transizione politica entro il 31 marzo.

Le Nazioni Unite hanno svolto un ruolo importante nel cercare di riportare la pace nella Repubblica Centrafricana, con le unità militari e di polizia della Missione Integrata di Stabilizzazione nel paese (minusca) assieme alla forza francese Sangaris e le squadre di sicurezza locali  che hanno presidiato i seggi elettorali per garantire un voto pacifico.

Dopo nove mesi di una migliore stabilità in CAR, una nuova ondata di violenze tra comunità scoppiata lo scorso mese di settembre, ha visto uccise almeno 130 persone, ferite altre 430, e portando all'aumento del 18 per cento il numero di sfollati interni che rasenta ormai le 447.500 persone.

La riconciliazione e la ripresa sono i compiti enormi che si presentano al nuovo Presidente della Repubblica Centrafricana Faustin-Archange Touadéra, nominato il vincitore di un ballottaggio che si spera faccia voltare pagina su anni di turbolenze violente.

L'ex primo ministro Touadera ha vinto con il 62.71 per cento dei voti nelle elezioni del 14 febbraio, secondo i risultati provvisori annunciati dalle elezioni Autorità Nazionale (ANE).

Il suo rivale sconfitto Anicet Dologuele, anche ex-premier, ha superato il primo turno. Dice che accetterà i risultati per il bene della pace, nonostante quello che ha definito "frode massiccia" nella sua ultima votazione.

Il portavoce di Touadera ha richiamato alla calma la popolazione del paese di 5 milioni per accompagnare il nuovo leader nella sua ricerca di "riconciliazione e ripresa".

Gli osservatori stranieri hanno lodato la natura pacifica delle urne, ma non hanno ancora commentato i risultati di sabato.

La Repubblica Centrafricana è entrata nel caos nel 2013, quando i ribelli della coalizione Seleka, presero il potere nel paese, scatenando rappresaglie delle milizie governative.

Migliaia di persone sono morte e un quinto della popolazione ha abbandonato le proprie case per sfuggire alle violenze sia internamente che all'estero lasciando il paese impoverito e diviso lungo linee etniche e religiose.

condividi questo articolo

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
 

To follow us, just find

  Europe time to dialogue

on Facebook

Pubblicazioni

Disarmo

 co governance

17-20 GENNAIO 2019

Castel Gandolfo

Roma - Italia

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.