mppu international

twitterfacebook

Notizie

di Melchior Nsavyimana

Se diversi paesi africani sono noti a causa delle guerre civili, la povertà estrema, la dittatura, corruzione, il Botswana costituisce un'eccezione nel continente. In effetti, è un paese senza sbocco sul mare nel sud Africa, in gran parte ricca di risorse minerarie, scarsamente popolata, con una popolazione di circa circa due milioni di abitanti.

BotswanaEconomicamente parlando, è uno dei pochi paesi africani che ha vissuto una rapida e costante crescita a partire dal 1960, grazie allo sfruttamento delle sue ricche risorse di diamanti, ma soprattutto grazie alla buona gestione che ha caratterizzato i leader di questo paese dopo l'indipendenza. Sulla crescita economica, per esempio, mentre il resto dell'Africa ha registrato un tasso medio di crescita economica negativa del -0,3% per il periodo 1965-1998, il Botswana ha registrato nello stesso periodo un tasso di crescita medio 7,7%. Una performance che è, al momento, al pari di quella delle tigri asiatiche che hanno esibito miracoli di crescita economica nel corso dell'ultimo quarto di secolo. In questa prospettiva, questo che è diventato il paese di riferimento per l'Africa ha moltiplicato per 11 il tenore di vita dei suoi cittadini tra il 1960 e il 2007 secondo il rapporto della Banca Mondiale nel 2008.

Esperti di fama internazionale come Daron Acemoglu, Simon Johnson e James A. Robinson sono stati attratti dal modello di sviluppo del paese e la loro conclusione merita attenzione: Nel loro articolo intitolato "An African Success Story: Botswana" in pubblicazioni interne del MIT nel luglio 2001, gli autori affermano che il successo del Botswana è dovuto alla creazione di istituzioni appropriate per garantire e rispettare le norme di legge e l'adozione di adeguate politiche economiche.

Una domanda fondamentale sorge spontanea: perché queste istituzioni emergono in Botswana, ma faticano ad affermarsi nel resto dell'Africa? Gli autori forniscono le seguenti risposte: il Botswana aveva istituzioni pre-coloniali piuttosto inclusive che stabilivano e applicavano le regole operative dell'élite politica. Queste istituzioni inclusive funzionano a beneficio dell'interesse generale, a differenza delle istituzioni estrattive dedicate alla difesa di un gruppo, di un'élite, di un clan o di una casta che si possono trovare nella maggior parte dei paesi africani.

Inoltre se i diamanti -di cui è il terzo produttore al mondo - hanno svolto un ruolo molto importante nello sviluppo economico del Botswana, non possono esserne considerati unicamente responsabili. Oltretutto, per il resto dell'Africa parliamo sovente della "maledizione delle risorse naturali": pPurtroppo, in paesi come la Repubblica Democratica del Congo, Sud Sudan, Congo Brazzaville, ecc più ricchi di risorse naturali rispetto al Botswana, la disponibilità di queste risorse ha generato più problemi di quanti non abbia contribuito a risolverne.

Oltre alla prosperità economica e all'elevato tenore di vita del popolo del Botswana, tutti gli indicatori utilizzati per misurare il progresso di un paese danno risultati positivi per il Botswana; in termini di buona governance, secondo l'indice Ibrahim utilizzato per misurare la buona governance del mondo, il Botswana è al terzo posto in Africa dietro a Mauritius e Capo Verde.

Per quanto riguarda la stabilità del paese, secondo l'Indice di Pace Globale 2014 (GPI) pubblicato il 17 giugno dall'Istituto per l'Economia e la Pace (IEP), il Botswana è il secondo paese più pacifico in Africa dietro Mauritius ed è al 36° posto nel mondo.

Infatti, l'Indice mondiale sulla pace (Global Peace Index) misura il livello di pace in 162 paesi tenendo conto di 22 indicatori che valutano l'assenza di violenva o della paura degli atti violenti. Questi indicatori sono suddivisi in tre temi principali: il livello di sicurezza e sicurezza nella società, l'entità dei conflitti interni ed esterni e il grado di militarizzazione in ciascun paese. Più basso è l'indice globale, più è pacifico il paese.

Per quanto riguarda il suo successo democratico, molti analisti concordano sul fatto che esso è il risultato di una lunga tradizione di discussione aperta e di costruzione del consenso.

In effetti, molto prima che intervenisse il protettorato britannico, i poteri dei capi tradizionali the-demise-of-the-kgotla-structureerano stati davvero limitati e la vita del villaggio era governata dal "Kgotla", vale a dire, la riunione ordinaria dei membri del clan all'ombra dell'albero centrale del villaggio, dove gli uomini della comunità erano liberi di discutere le decisioni che li riguardano. La conservazione di questa tradizione da parte delle autorità che si sono succedute ha aiutato a mantenere la coesione sociale, lo sviluppo economico e la politica sociale di questo paese.

Il peso attribuito ai leader tradizionali della governance odierna riflette la complementarità tra i valori della democrazia moderna ei valori tradizionali delle culture africane.

Questa complementarità si manifesta, ad esempio, nella creazione di un'istituzione molto originale in Botswana chiamata "Camera dei capi". È un'istituzione composta da 15 membri tra cui 8 capi tradizionali (ereditari) delle principali tribù del Botswana, come stabilito dalla Costituzione. Quest'ultima ha un ruolo importante in tutte le decisioni riguardanti la vita dei cittadini (questioni economiche, socio-politiche e culturali). I membri della Camera dei Capi possono anche assumere qualsiasi altra decisione ritenga pertinente per la vita della Nazione. Per spiegare come questo risultato è stato raggiunto, i diversi analisti osservano che le autorità sono riuscite a mantenere e coltivare l'embrione strutturale del servizio pubblico ereditato dagli inglesi dopo l'indipendenza, garantendo un'amministrazione pubblica stabile e ben preparata, basata sulla meritocrazia, la lotta contro la corruzione, l'efficienza burocratica e la trasparenza. Il tasso di trasparenza risalente al 2016, ad esempio, si trova a 6.1 su una scala di 10 e rende Botswana il paese meno corrotto del continente africano.

La determinazione e lo spirito di tolleranza dei leader di questo paese, ritenuti da Nelson Mandela come "esempi" da seguire, restano un'ispirazione per gli altri paesi del continente e del mondo intero. "Abbiamo molto da imparare da voi", ha detto il leader del Sudafrica Nelson Mandela al popolo del Botswana.

 

condividi questo articolo

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

 co governance

17-20 GENNAIO 2019

Castel Gandolfo

Roma - Italia

Pubblicazioni

Disarmo

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.