mppu international

twitterfacebook

Notizie

Stand up for human rights

Scritto da Allan Hogarth, Responsabile programmi di Amnesty International UK

È ufficiale, il primo ministro ha dato seguito all'articolo 50 e stiamo lasciando l'Unione Europea.

A seguito proprio della decisione del giugno scorso a lasciare l'Unione europea c'è stata molta speculazione su ciò che questo significa in realtà per il Regno Unito e quelli che vivono qui. Quasi ogni volta che accendiamo la televisione, prendere un giornale o andare online siamo invitati ad ascoltare i politici, esperti e una serie di esperti ci danno i loro pensieri.

Ciò che è assente da questi dibattiti è alcuna considerazione significativa di ciò che significa Brexit per i diritti umani. Potrebbe essere positivo - il governo potrebbe scegliere di utilizzare questo come un'opportunità per rafforzare i diritti per cui abbiamo combattuto a lungo e duramente... o poteva non essere...

Una cosa è certa: ci sarà la lotta per garantire che i diritti umani di tutti siano protetti e tutelati, come il Regno Unito negozia la sua uscita. Qui ci sono solo alcune delle cose da osservare all di fuori.

Garantire che i migranti dell'UE hanno il diritto di rimanere

Il 7 marzo la Camera dei Lord ha votato per cambiare il disegno di legge che avrebbe lanciato il processo di lasciare l'Unione europea - hanno chiesto di offrire ai cittadini UE che vivono già qui la conferma che essi possano continuare a farlo.

Il 13 marzo il Parlamento ha votato per respingere questo cambiamento.

Questa è una grande delusione e invia un segnale preoccupante, che anche i diritti saranno coinvolti come oggetto di trattativa nei negoziati di uscita. Che le persone e le loro famiglie diventeranno merce di scambio come il governo determina le condizioni alle quali lasciare l'UE.

Occorre inviare un segnale chiaro: che non scambiano via i nostri diritti, che il governo intenda risolvere questa insicurezza come una priorità.


firma la nostra petizione a David Davis chiedendo che il Regno Unito protegga i diritti di coloro che hanno abitano nel Regno Unito

Venendo al dunque

Sulla scia del referendum abbiamo visto un aumento sconvolgente nei rapporti di incidenti razzisti e xenofobi.

Nel mentre abbiamo notato che alcuni politici ed i media hanno adottato un linguaggio davvero poco edificante, sia eticamente che moralmente.

Poiché l'articolo 50 viene attivato, abbiamo bisogno di unirci per dimostrare che questo non è ciò che assomiglia ad un post-EU UK .

Coloro che sono coinvolti nel dibattito politico o cercano di influenzare i negoziati per il ritiro del Regno Unito non devono ricorrere a un linguaggio incendiario che esasperi gli animi. Nelle nostre comunità e nelle nostre strade, dobbiamo trattare gli altri con rispetto.

Dobbiamo unirci e stare contro l'odio.

L'impatto sulla legislazione del Regno Unito

Dalla tutela dei diritti delle donne e delle ragazze, le comunità LGBTI, i diritti dei lavoratori e dei nostri diritti alla privacy, ai meccanismi che lavorano per il controllo della armi trade molte delle protezioni di diritti che abbiamo nel Regno Unito sono venuti dalla UE.

Questi sono i nostri diritti e dobbiamo lavorare insieme per difenderli - per garantire che siano mantenute una volta partiamo.

Proprio come cerchiamo di proteggere i nostri diritti qui nel Regno Unito, dobbiamo anche verificare l'impatto globale che il ritiro della Gran Bretagna dall'Unione europea potrebbe avere.

Il primo ministro Theresa May ha recentemente intrapreso delle azioni affinché, nel post Brexit, la Gran Bretagna si impegni in tutto il mondo e sia pronta a difendere i suoi principi. Ma sono ancora necessari lunghi tempi per avere un quadro ben definito di ciò che questo "Gran Bretagna globale" comporterà. Lavoreremo per assicurarci che ci sia una spinta positiva per i diritti umani - guidare con l'esempio e "alzare l'asticella".

Come parte di questo, vogliamo che il governo, al fine di garantire la posizione consolidata del Regno Unito su diversi organismi internazionali - tra cui il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, la NATO, il Commonwealth, G7 e G20 - approfitti per cogliere nuove opportunità per promuovere e valorizzare i diritti umani stabilendo relazioni e alleanze con gli altri.

Il Primo Ministro ha detto che il Regno Unito ‘... dovrebbe cogliere l'opportunità di entrare nel mondo: sì, per costruire nuove alleanze ma ancora più importante, per andare ancora di più a lavorare con i vecchi amici ...’

E il governo non ha perso tempo a mettersi al passo con i vecchi amici o con la costruzione di nuove alleanze. I ministri sono stati qui ed ovunque  cercano di garantire accordi commerciali e di stabilire relazioni bilaterali. Sono stati occupati a visitare la Turchia, il Bahrain, Stati Uniti d'America, Emirati Arabi Uniti e saranno presto fuori per la Cina.

Il commercio e la sicurezza sono senza dubbio obbiettivi legittimi del governo, ma tutti abbiamo bisogno di essere attenti, che loro non siano usati come una scusa per chiudere un occhio sui diritti umani.

Negli ultimi decenni abbiamo lavorato duramente per assicurare che l'attenzione ai diritti umani sia centrale rispetto al traffico delle armi - al commercio di forniture militari, di sicurezza e di attrezzature di polizia in senso più ampio. Abbiamo lavorato con i partner in tutto il mondo per assicurare che tale commercio non avvenga là dove c'è il rischio che potrebbe contribuire a violazioni dei diritti umani.

Molti di questi controlli ed equilibri siedono all'interno dei meccanismi comunitari e il governo britannico deve mantenere il suo impegno a loro nel momento in cui noi lasciamo l'Unione.

Commercio, sicurezza e diritti umani dovrebbero essere complementari e non si escludono a vicenda. Il governo non deve essere tentato di tacere sulle questioni dei diritti umani per garantire accordi commerciali.

Nel corso dei prossimi due anni, come il governo negozia le condizioni alle quali lasciamo l'Unione europea, ci sarà la lotta per garantire che i diritti esistenti non siano persi.

Ma più di questo, vogliamo che il governo utilizzi questo come un'opportunità. Potrebbero migliorare i nostri diritti. Essi potrebbero rafforzare le protezioni e gli impegni. E non ci fermeremo fino a quando questo post-EU UK non diventi ciò.

Sei con noi?

Sign Firma la nostra petizione David Davis chiedendo che il Regno Unito protegga i diritti di coloro che hanno abitano nel Regno Unito

A proposito di Amnesty UK Blog
I nostri blog sono scritti da personale Amnesty International, i volontari e altre persone interessate, per incoraggiare il dibattito attorno ai temi dei diritti umani. Essi non rappresentano necessariamente il punto di vista di Amnesty International.
 

Fonte: www.amnesty.org

condividi questo articolo

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.