mppu international

twitterfacebook

Libri

Un nuovo scenario politico internazionale

01-09-2014  di Elena Cardinali
fonte: Città Nuova editrice

politica inframondiale2

 

Dalla caduta del Muro di Berlino ad oggi, lo scenario politico internazionale è cambiato profondamente. Da un assetto “bipolare” si è passati ad un contesto “multipolare”. Frutto di una trentennale esperienza di diplomatico di professione, Ferrara propone una riflessione interdisciplinare sulle dinamiche attuali della politica internazionale nel saggio "La politica inframondiale" (Città Nuova, 2014)

Nel Museo di Belle Arti di Budapest è esposta un’opera del pittore tedesco Oswald Achenbach (1827-1905), della scuola di Düsseldorf. (…)

Al di là del suo valore artisti­co, quest’opera di Achenbach mi ha particolarmente colpito perché include due elementi a mio avviso simbolici delle rela­zioni internazionali non solo nel mondo contemporaneo, e che acquistano direi un carattere ar­chetipo: la torre e il ponte.

La torre è la quintessenza del ri­flesso difensivo, dell’arroccamento, del senso dell’assedio e del timore dell’invasione. La torre è un elemento architettonico di tipo essenzial­mente militare, e rappresenta plasticamente una percezione di minac­cia, che provoca un atteggiamento di allerta e di allarme.

Il ponte, al contrario, per definizione unisce due territori che in sua assenza rimarrebbero divisi, delimitati da un fiume o da un fos­sato che altrimenti sarebbe ben arduo varcare. Il ponte, in un certo modo, è un invito alla comunicazione, al contatto diretto, al dialogo.(…]

Può darsi che tale impostazione abbia avuto una sua plausibilità storica, logica e politica nel passato, anche recente. C’è da chiedersi se ancora oggi essa abbia una qualche utilità, nell’era in cui le relazio­ni diventano in gran parte immateriali e non hanno necessariamente bisogno di ponti fisici per realizzarsi e in cui è divenuto fin troppo semplice diroccare o abbattere torri militari o civili (come purtrop­po insegnano, simbolicamente, i tragici fatti dell’11 settembre 2001). D’altra parte, è ugualmente simbolico e anche inquietante (al di là del valore militare e strategico di tali gesti) che le guerre spesso implichi­no la distruzione di ponti di vari usi e dimensioni.

La scena di Achenbach suggerisce che sia la torre che il ponte siano in una condizione di rovina, e che pertanto abbiano da molto tempo perso la loro funzione sociale originaria.

Per restare nella metafora architettonica, il mondo contempo­raneo – senza indulgere affatto nelle semplificazioni falsificanti sulla presunta piattezza del globo– assomiglia sempre più ad una struttu­ra aperta, un’agorà, una piazza o, in senso economicistico, a un mer­cato, a seconda del paradigma relazionale che si privilegia. E dunque il compito della politica – soprattutto della politica internazionale – dovrebbe essere quello di creare nuove solide strutture che facilitino l’interazione globale, costruendo portici, vale a dire strutture aperte e accessibili, capaci di offrire riparo universale, ma anche dotate di un proprio carattere e una propria geometria; in altre parole, di regole e incentivi relazionali.(…)

La verità è che c’è bisogno di un nuovo progetto politico interna­zionale, un new deal globale, una nuova alleanza più inclusiva e pari­taria, che vada ben oltre le alleanze militari ed economiche esistenti (la piazza, oltre la torre e il ponte). Non è per nulla un progetto utopico: basti guardare allo stato del mondo per comprendere che non solo è realistico, ma anche urgente e necessario. La nuova “governance globa­le” di cui tanto si parla, ma di cui sinora poco si è visto, può rappresen­tare un’occasione unica; ma a condizione che il nuovo multipolarismo venga riflesso in un più democratico multilateralismo e si passi dalla dimensione globale a quella davvero mondiale o universale.(…)

Il punto di sintesi e di connessione è la “comunità planetaria”, intesa in un modo strutturalmente plurale, cioè come “comunità di comunità”, come un sistema complesso e interre­lato di cerchi concentrici all’interno dei quali si svolgono, purché in modo del tutto libero e non esclusivo, diversi livelli di appartenenza politica e di partecipazione.(…)

Tuttavia la post-globalità va letta all’interno di una situazione nuova, che definisco “politica inframondiale”. Un altro arbitrario neologismo? La verità è che talvolta abbiamo bisogno di parole nuove per descrive­re fenomeni nuovi. In sostanza, l’espressione “politica inframondiale” tenta di descrivere la situazione di stretta interconnessione che ormai si registra tra le varie aree del mondo, e che va ben al di là della globaliz­zazione. Kant aveva intuito questa evoluzione quando, già nel 1795, nel suo progetto di pace perpetua rilevava che, come effetto dei legami sem­pre più forti tra i popoli e gli eventi sempre più mondiali, ogni violazione di un diritto in qualsiasi parte del globo venisse percepito come una ferita dall’intera umanità. (…)

La tesi fondamentale del libro suggerisce che ogni politica, oggi, è “politica interna mondiale”, perché la dimensione dell’appartenen­za politica di ciascuno ha ormai un orizzonte planetario.

Si tratta non solo di prendere atto di questa realtà, ma di utiliz­zare questo nuovo spazio politico per comprendere, incidere, impe­gnarsi per il cambiamento. La famiglia umana universale” non può ridursi a uno slogan, a un concetto astratto o a una mera indicazione normativa, ma è un criterio-guida per mettere in essere politiche che siano capaci di coniugare l’identità e, al contempo, mantenere un’a­pertura al mondo e alle differenze.

Da Pasquale Ferrara, La politica inframondiale, le relazioni internazioni nell’era post-globale (Città Nuova, 2014)

condividi questo articolo

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.