mppu international

twitterfacebook

Discussioni

Democrazia. Una parola che collega 'popolo' e 'potere'. Per dire, con i concittadini di Pericle, che il governo è in mano al popolo.

Oggi, che significa democrazia? Possiamo ancora parlare di decisioni che maturano dalla discussione ed esprimono un popolo? Esistono città o regioni o stati o federazioni di stati, in cui si può affermare realmente che la 'sovranità' è dei cittadini? 

E la definizione di ‘cittadinanza’ non è ancora oggi un concetto escludente rispetto a chi non la possiede secondo l'ordinamento giuridico? I diritti non spettano alle persone in quanto tali, a prescindere dal passaporto?  

Nel secolo trascorso democrazia è stato sinonimo di libere elezioni: ma sono state realmente libere?
E per democrazia s’intende solo un regime elettorale?
Inoltre, il consenso elettorale non rischia d’essere un problema per la democrazia, quando è il risultato di meccanismi che controllano le opinioni, o di clientele, o quando sono i sondaggi a condizionare le politiche?

Le analisi sulla salute della democrazia non sono ottimiste.
Sia per le molte situazioni prostrate da guerre, dalla mancanza di legalità e diritti, da povertà estrema ... dove la democrazia si è perduta o è rimasta un obbiettivo lontano.
Sia per le cosiddette democrazie mature che registrano delusione e sfiducia crescente proprio nei confronti delle istituzioni e dei processi democratici.

Da dove viene il fallimento?
Dove ci porterà questo disagio che aumenta e sfocia in protesta, in anti-politica, in nuove forme di populismo?

La fase di decadimento dell’idea democratica segna un ciclo che si chiude ed è inesorabile?

condividi questo articolo

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Commenti  

+1 # RE: Oggi si può ancora parlare di democrazia?Silvio Minnetti 2014-10-28 06:29
Necessario liberare politica e democrazia con la categoria della fraternità, con il loro primato sull'economia e sulla finanza, con partecipazione, deliberazione e accountability. La democrazia dell'alternanza tra due forti partiti a vocazione maggioritaria, con primarie , leader forti e contendibili, sostituibili dopo due o tre mandati,scelti dai cittadini e non da lobby, può aiutare ma occorre restituire dignità alla politica oltre i populismi, come ai parlamenti ed ai partiti.
Rispondi

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.